Appuntamenti

Continuano gli appuntamenti!

Scritto da Segreteria il 24 Luglio 2013

Il Concorso letterario nazionale Lingua Madre vi ricorda che:

Il bando della IX edizione è in corso!
Approfittate della pausa estiva per scrivere una storia e/o scattare una fotografia e partecipate numerose!
Qui il regolamento completo!

 Dal 2 all’11 agosto 2013 a Portoscuso (Sardegna) si aprirà la VII edizione di Parole sotto la Torre, il Festival letterario strettamente collegato a Leggendo Metropolitano (ideato e curato da Saverio Gaeta), con il quale il Concorso Lingua Madre ha siglato una convenzione, con una sezione speciale riservata a ospiti e alle vincitrici del Concorso.
Info su http://www.noteapiedipagina.it/

– Il 25 agosto 2013, l’autrice del Concorso Lingua Madre Masal Pas Bagdadi sarà ospite del Festival Adriatico Mediterraneo di Ancona per la presentazione del suo libro Mamma Miriam (Bompiani Editore). Sarà inoltre esposta fino al 30 agosto 2013 – nello splendido scenario dell’Isola Tiberina e in occasione della rassegna cinematografica e culturale Isola del Cinema – la sua mostra Chi sono io? La ricerca dell’identità attraverso il disegno.
Leggi qui l’intervista all’autrice pubblicata su Frontiere News

– Dal 29 al 31 agosto 2013, ad Anghiari, si terrà il laboratorio Le parole del silenzio e il linguaggio delle emozionia cura di Nicoletta Polla Mottiot, ideatrice – con Duccio Demetrio – dell’Accademia del Silenzio, cui partecipa anche il Concorso Lingua Madre nel comitato promotore. Il ciclo di incontri si inserisce in un ricco programma di seminari, in corso fino a settembre 2013.
Qui il calendario completo

– Sono aperte le iscrizioni per il Corso di perfezionamento in scienze, metodi e poetiche della narrazione (Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa”Università degli Studi di Milano-Bicocca), promosso dalla Prof. Emanuela Mancino dell’Accademia del Silenzio (cui partecipa anche il Concorso Lingua Madre nel comitato promotore). Il corso – pensato per approfondire nella pratica gli aspetti formativi e operativi della narrazione – avrà inizio a novembre 2013 presso il Centro di Alta Formazione Universiscuola – Villa Di Breme – Forno – via Martinelli 23, Cinisello Balsamo (MI).
Guarda lo spot
Scarica la locandina

Scarica il programma

… e vi anticipa alcuni degli appuntamenti dell’autunno 2013:

– dal 10 al 14 settembre si svolgerà a Lecce la Scuola Estiva della differenza: Quando la differenza fa la politica sarà il tema della XI edizione;
– il 19 settembre, a Novara e il 28 settembre a Vercelli, in occasione della Festa dei Popoli organizzata in entrambe le città e dai rispettivi CSV (Centro Servizi per il Volontariato), con le vincitrici della VIII edizione del Concorso Lingua Madre;
– il 27 settembre ad Asti, Leoreta Ndoci – vincitrice del Premio speciale Torino Film Festival del Concorso Lingua Madre 2010 e selezionata per AdaptLab2013 con il racconto Burrnesha – incontra il pubblico dello Slaff (Social Lab Film Festival), la rassegna di cinema e lingua madre in programma dal 27 al 29 settembre 2013;
– dal 20 al 23 settembre a Bra (CN), Anastasia Rouchota – vincitrice del Premio speciale Slow Food-Terra Madre del Concorso Lingua Madre 2013 – ospite nell’ambito di Cheese, l’evento biennale dedicato alle forme del latte, promosso da Slow Food;
a ottobre:
Portici di Carta 2013, con l’iniziativa Caccia al racconto – 10 autrici, 10 quartieri e un premio finale, una  caccia al tesoro attraverso le 10 Circoscrizioni di Torino, accompagnata dalle voci delle vincitrici del Concorso letterario nazionale Lingua Madre;
a novembre:
la presentazione del volume Lingua Madre Duemilatredici. Racconti di donne straniere in Italia (Edizioni SEB27)

… e tanto altro ancora!

Partecipate numerose alla XI edizione del Concorso Lingua Madre! Inviate un racconto e/o una fotografia: tanti i premi e la possibilità di essere selezionate per la pubblicazione Lingua Madre Duemilaquattordici. Racconti di donne straniere in Italia (Edizioni SEB27)! Scarica il regolamento completo!
Al via il 2 e fino all’11 agosto 2013, a Portoscuso in Sardegna, la VII edizione di Parole sotto la Torre, il Festival letterario strettamente collegato a Leggendo Metropolitano (ideato e curato da Saverio Gaeta), con il quale il Concorso Lingua Madre ha siglato una convenzione, con una sezione speciale riservata a ospiti e alle vincitrici del Concorso. Tema di quest’anno, Arcipelaghi: “Gli scrittori sono isole. Ma nel chiuso delle loro stanze, nelle loro solitudine, non sono mai per davvero soli. Si portano dentro il mondo che hanno lasciato fuori dalla stanza, lo raccontano, lo inventano di nuovo, ogni volta diverso. Gli scrittori sono un arcipelago di lingue, idiomi, gergalità, abitudini, sono un popolo di naviganti. Ogni esperienza narrativa è un viaggio verso l’ignoto, sia per chi scrive che per chi legge”, recita la presentazione della kermesse, promossa dall’Associazione Note a piè di pagina.
Continua il tour di presentazione del libro Mamma Miriam dell’autrice del Concorso Lingua Madre Masal Pas Bagdadi. Prossima tappa, domenica 25 agosto, in occasione del Festival Adriatico Mediterraneo di Ancona.
Continua anche il successo della sua mostra Chi sono io? La ricerca dell’identità attraverso il disegno, in esposizione fino al 30 agosto 2013 nello splendido e suggestivo scenario dell’Isola Tiberina e in occasione della rassegna cinematografica e culturale Isola del Cinema.
Nell’ambito dei seminari promossi dall’Accademia del Silenzio (idea di Duccio Demetrio e Nicoletta Polla Mattiot, cui partecipa anche il Concorso Lingua Madre nel comitato promotore), dal 29 al 31 agosto 2013, ad Anghiari, si terrà il laboratorio, a cura di Nicoletta Polla Mattiot, Le parole del silenzio e il linguaggio delle emozioni:
Il primo giorno si esploreranno i sensi del silenzio (vista, udito, olfatto, tatto, gusto):
Ciascuno ha i suoi tempi e ci insegna che l’ascolto può avere tanti “passi” diversi, cogliere l’istante, intenso e subitaneo, di una madeleine come aver bisogno della lenta, concentrata contemplazione.
Il secondo giorno si attraverseranno le emozioni del silenzio:
quello che ci lascia senza parole può trovare un’altra voce, può essere scritto oppure può mettersi in risonanza con i racconti degli altri, poeti, scrittori, musicisti, attori, amici, vicini…
Il terzo giorno si praticherà il linguaggio del silenzio:
(rifondate nel silenzio, le parole tornano “sorgive”, riacquistano forza e l’espressività originaria). Ci sono parole che andrebbero pronunciate sempre come se fosse la prima volta e parole che non vorremmo mai usare. Parole che vanno dette una volta per tutte. E parole che è ora di dire, adesso.
Il ciclo di incontri si inserisce in un ricco programma di seminari, in corso fino a settembre 2013.
Partirà da novembre 2013 il nuovo Corso di perfezionamento in scienze, metodi e poetiche della narrazione (Università degli Studi di Milano-Bicocca), promosso dalla Prof. Emanuela Mancino dell’Accademia del Silenzio e pensato per approfondire nella pratica gli aspetti formativi e operativi della narrazione. Rivolto a tutti coloro che intendano approfondire nello studio e soprattutto nella pratica, ovvero nell’esperienza, gli aspetti formativi della narrazione nei suoi risvolti riflessivi, progettuali e prospettivi ma soprattutto operativi, si propone di formare esperti in grado di padroneggiare e progettare il potenziale educativo e multidisciplinare della narrazione, sia all’interno delle consuete prassi educative e scolastiche, sia nelle ideazioni, progettazioni e realizzazioni di percorsi laboratoriali e di formazione che abbiano come metodologia preferenziale quella di tipo narrativo. In tal senso, il corso svilupperà il tema della possibilità narrativa in chiave interdisciplinare, accogliendo al suo interno esperti di discipline le più diverse, per poter esplorare la “narrazione” con lenti ora pedagogiche, ora letterarie, psicanalitiche, sociologiche, biologiche, terapeutiche, antropologiche, giornalistiche…
Verranno presentate le prospettive di chi fa della narrazione uno strumento o un ambiente di marketing, di vendita, di comunicazione; i partecipanti incontreranno docenti del mondo accademico ma anche esperti e professionisti della comunicazione, di altre culture, esploratori dell’elemento narrativo inteso anche come testualità del quotidiano, della sfera religiosa, artistica, cinematografica, teatrale, museale, fotografica, fino alle più recenti attenzioni e declinazioni del giornalismo in chiave biografica e dell’attenzione anche politica al valore delle “storie”. Le locandine stanno facendo la loro comparsa in città (non solo a Milano), ad iniziare da una prima che reca un teaser, ovvero uno slogan di lancio (che nella fattispecie è: “attenti al gufo”) e a seguire il Gufo declinerà il proprio sguardo modificandosi in ragione dei diversi temi del percorso (nuovi media, social-network, cinema, educazione, fotografia, antropologia, lingue….).