Appuntamenti

Tesi e centinaia di racconti al Concorso Lingua Madre

Scritto da Segreteria il 28 Gennaio 2014

Giovedì 30 e venerdì 31 gennaio 2014 doppio appuntamento del Concorso Lingua Madre:

30 gennaio, ore 11.30 – Torino
 – Biblioteca Civica Centrale – via della Cittadella 5
PREMIAZIONE TESI IN CON-CORSO

Lediona Nano – vincitrice per il 2013 di Tesi in Con-corso, iniziativa promossa dal Concorso Lingua Madre in collaborazione con le Biblioteche Civiche Torinesi – consegnerà la sua tesi  “Letteratura migrante: Concorso Lingua Madre e autrici di lingua spagnola in Italia” (Università degli Studi di Padova – Facoltà di Lettere e Filosofia) al Direttore delle Biblioteche Civiche Paolo Messina.
 Interrverrà Eugenio Pintore – Direzione Cultura, Turismo e Sport – Settore Biblioteche, Archivi ed Istituti culturali Regione Piemonte.
Madrina dell’evento sarà la bookblogger Noemi Cuffia.
Scarica il comunicato

31 gennaio, ore 11 – Torino
 – Palazzo delle Poste – Via Alfieri 10
CERIMONIA DI CHIUSURA DELLA IX EDIZIONE DEL CONCORSO LINGUA MADRE  alle Poste Centrali di Torino alla presenza di Patrizia Zagnoli (Direttrice della filiale Torino 1 Città di Poste Italiane), Antonio Sgroi (Responsabile Servizi di Comunicazione Nord Ovest di Poste Italiane).
Interverrà l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte Michele Coppola
Scarica il comunicato

– Il 30 gennaio si terrà la cerimonia di consegna della migliore tesi del 2013 dedicata al Concorso Lingua Madre alle Biblioteche Civiche Torinesi (che hanno creato un fondo dedicato al CLM).
Lediona Nano è la vincitrice per il 2013 di “Tesi in Con-corso”, iniziativa promossa dal Concorso  letterario nazionale Lingua Madre (progetto permanente di Regione Piemonte e Salone Internazionale del Libro di Torino) e dalle Biblioteche Civiche Torinesi.  Il bando è diretto a tutte le studentesse, le ricercatrici, le studiose universitarie che scelgano come oggetto di ricerca della tesi di laurea il Concorso Lingua Madre.
Lediona Nano con Letteratura migrante: Concorso Lingua Madre e autrici di lingua spagnola in Italia si è laureata all’Università degli Studi di Padova, Facoltà di Lettere e Filosofia – Corso di laurea in lingue, letterature e culture moderne – Relatrice Prof.ssa Adriana Chemello.

La tesi sarà quindi presentata pubblicamente in una delle prestigiose sedi delle Biblioteche Civiche Torinesi e resa fruibile al pubblico.

L’iniziativa vuole offrire un’opportunità di apertura e dialogo tra il mondo universitario e il tessuto cittadino, al fine di approfondire, con un approccio scientifico nuovo, non convenzionale e ispirato al pensiero della differenza sessuale, il fenomeno della migrazione femminile. A tal fine, s’invitano tutti i docenti e le docenti a incentivare la scrittura di elaborati che, attraverso l’analisi del progetto Concorso Lingua Madre (interpretativa, sociale, politica, relazionale), possano offrire nuove prospettive di studio e approfondimento sul tema.

Si è chiusa il 31 dicembre 2013 la IX edizione del Concorso letterario nazionale Lingua Madre. Racconti, fotografie, elaborati si sono riversati, ancora una volta, come una folla festosa, nella casella postale 427 tanto che, venerdì 31 gennaio alle ore 11 le Poste di Torino realizzeranno un servizio fotografico per documentare questo successo alla presenza di Patrizia Zagnoli (Direttrice della filiale Torino 1 Città di Poste Italiane), Antonio Sgroi (Responsabile Servizi di Comunicazione Nord Ovest di Poste Italiane).

Interverrà l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte Michele Coppola, il cui assessorato sostiene il progetto insieme alla Consulta Femminile del Consiglio Regionale del Piemonte grazie alla quale è stata realizzata l’ultima antologia Lingua Madre Duemilatredici-Racconti di donne straniere in Italia (Edizioni SEB27), con i racconti selezionati.
Sono oltre trecento le autrici che hanno partecipato a questa edizione del Concorso Lingua Madre, diretto a tutte le donne straniere (o di origine straniera, di seconda e terza generazione), residenti in Italia, con una sezione per le donne italiane che vogliano “raccontare” le donne straniere.
È un dialogo corale, che parla di desideri, di relazione, di ascolto ma soprattutto di speranza, felicità e amore. Ne parlano, anzi ne scrivono le donne, e lo fanno da sole, a coppie o in gruppo. Ecco così che un’intera classe aiuta la nuova compagna straniera a scrivere il suo racconto o l’insegnante del corso d’italiano del CTP si fa tramite delle sue allieve e ancora figlie che narrano per le madri e madri che parlano alle figlie.

Non ci sono limiti, né barriere, si può partecipare a qualsiasi età e in qualsiasi condizione, che si sia una bambina delle elementari o una donna detenuta, e se l’italiano scritto non lo si padroneggia ancora, non importa, ci si può far aiutare da un’altra donna italiana (il bando del concorso non solo lo ammette ma lo incoraggia!).
Così avviene lo scambio, il confronto, la relazione che stravolge tante false certezze. Questi racconti testimoniano, con la gioia che la vita naturalmente conferisce alla narrazione, che costruire è sempre possibile. Che il terreno, anche se sconosciuto, può essere addomesticato e rifiorire, portando con sé la meraviglia di profumi sempre diversi.
Entro aprile la giuria sceglierà i racconti vincitori; i risultati verranno segnalati sul sito www.concorsolinguamadre2.nanosistemi.eu e comunicati a tutte le partecipanti. La premiazione si terrà al Salone Internazionale del Libro di Torino (8 – 12 maggio 2014), dove si aprirà la X edizione del Concorso.
Il dibattito e lo scambio continua su blog, Facebook, Twitter, Instagram, You Tube e se nel 2013 sono stati organizzati oltre 100 eventi in tutta Italia, ancora di più saranno le novità del 2014. Al via sceneggiature cinematografiche, libri, ebook, lo spettacolo teatrale “Donne che cucinano la vita” tratto dai racconti, un saggio di approfondimento e tante altre sorprese per festeggiare i 10 anni del Concorso!