Le autrici di Lingua Madre

Per le vittime del Mediterraneo

Scritto da Segreteria il 20 Aprile 2015

Embaie, Marikos, Abraha, Accursia e Voi-senza-nome, corpi di storie tutte uguali di poveri esseri mortali, quanto dolore!!! Quanto dolore, anime sante! Riposate in pace.
Ma quante volte dovremmo augurarvela, la pace, perché cessi il vostro pianto, finisca lo strazio e voi risplendiate nella luce? Non lo so, ma so che un giorno avverrà.

Dal racconto di Giuseppina Corrias, Amèn, Inshallah, Shalom, in Lingua Madre Duemilaquattordici. Racconti di donne straniere in Italia (Ed. SEB27).