Le autrici di Lingua Madre

Per la Festa della Mamma

Scritto da Segreteria il 12 Maggio 2013

Il valore dell’autorevolezza della madre, l’importanza della memoria storica della genealogia femminile… 

“Nell’arco degli anni imparai a non odiare le persone nonostante tutto. Imparai ad apprezzare le piccole cose, i piccoli gesti. Il mio passato mi aiutò a diventare più forte. A sopportare tutto e ad affrontare qualsiasi ostacolo. E adesso, sono ancora qui. Ho già perso due figli ed io sono ancora in vita. La cosa più brutta per una madre è vedere i propri figli andarsene prima di te. E adesso, nipote mia, ti auguro una vita felice. Una vita senza ostacoli, sofferenze e delusioni. E se per qualche motivo ti senti una fallita, pensa a me. Pensa alla tua bisnonna che dopo tante disavventure è ancora qui, a volerti bene e ad amarti”.

Tratto dal racconto di Lina Alushi (Albania)
LA MIA BISNONNA SI CHIAMA GJYLSYME: IL VALORE DELLA LIBERTÀ 

[jwplayer mediaid=”7632″]