Antologie

Lingua Madre Duemilasedici Racconti di donne straniere in Italia

Scritto da Segreteria il 23 Dicembre 2019

Aa. Vv.
Racconti di donne straniere in Italia
a cura di Daniela Finocchi
Edizioni SEB27
Pagine 344
ISBN 978-88-98670-16-1
Judith porta a casa di un’amica le banane fritte e Angela scopre che la colazione in Italia si fa mangiando cibi dolci e non salati, come avviene in Colombia. “A.” vive un’esperienza di convivenza forzata in carcere, dove le emozioni e i pensieri di una si fondono con quelli delle altre fino a creare un’enorme famiglia allargata. Dounya lavora per pagarsi gli studi sperando di tornare un giorno fiera di sé a Marrakech. Claudia si chiede se mettere a tacere la propria lingua madre equivalga a ucciderla. È un universo poco esplorato quello delle donne migranti, basato sulla solidarietà e sulla condivisione. È un mondo pieno di colori, esperienze, sguardi e sapori diversi che si amalgamano e si sovrappongono pur mantenendo sempre la propria unicità. Le narrazioni raccolte in questa antologia ci confermano che l’interazione tra persone differenti è possibile, senza rinunciare alla propria identità e alle proprie radici. Che si può allestire una tavola con cibi originari di tutto il mondo, senza che questi perdano il proprio sapore unico.  Sono storie in cui si tenta di risolvere quesiti che nascono spontanei nella mente di chi si allontana da quel posto che ha sempre chiamato “casa” o di chi cerca di ritrovare le proprie origini, magari sepolte da anni di indifferenza o perse tra vecchi album di famiglia. Non esistono risposte “giuste” a queste domande ma solo riflessioni, punti di vista.