Appuntamenti

Lingua Madre 2015: 10 anni di storie al femminile

Scritto da Segreteria il 10 Novembre 2015

UntitledLa presentazione dell’antologia Lingua Madre Duemilaquindici. Racconti di donne straniere in Italia (Edizioni Seb27), si è tenuta ieri, lunedì 9 novembre 2015, come consuetudine, nelle splendide sale del Circolo dei lettori di Torino.
Un appuntamento molto atteso che si rinnova di anno in anno e che per il 2015 si è arricchito dei festeggiamenti per i 10 anni del Concorso.

Guarda il servizio andato in onda su TGR Rai Piemonte l’11 novembre durante l’edizione delle 19.30 (dal minuto 16.39)
Leggi l’articolo e guarda la galleria fotografica
pubblicati su Il VideoGiornale

Leggi di seguito gli approfondimenti e guarda le foto di Serena Blasi, Carlo Cretella e Paola Marchi

Davvero cospicua la partecipazione di pubblico, tanto da esser stato necessario l’utilizzo di un’ulteriore sala, collegata con la principale. Si è respirata un’atmosfera ricca di emozioni. Sguardi, sorrisi e applausi calorosi si sono alternati da parte del folto pubblico presente, tutti dedicati alle autrici, che ogni anno contribuiscono con le loro parole a tessere nuove storie e a generare nuove opportunità di incontro.
I festeggiamenti per i 10 anni del Concorso Lingua Madre sono stati un viaggio tra i racconti, i pensieri, le emozioni di donne straniere e italiane, accompagnato dalle musiche dell’Orchestra internazionale Pequeñas Huellas: Quartetto Arturo Márquez, formato da Diego Virgüez Maeso, María Alejandra Peña (violini) Victoria Virgüez Maeso (viola) e Carolina Egüez (violoncello) e diretto da Sabina Colonna Preti.
A fare da cornice, le fotografie selezionate da Filippo Maggia per il Premio Speciale Fondazione Sandretto Re Rebaudengo del Concorso Lingua Madre 2015.
La Presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura Giovanna Milella è intervenuta per prima, manifestando il suo grande entusiasmo per l’opportunità d’incontro offerta dai racconti del Concorso. Cinzia Pecchio, Presidente della Consulta Femminile Regionale del Piemonte – che offre il secondo premio e grazie al cui contributo è stata realizzata l’antologia Lingua Madre 2015 – ha quindi sottolineato il potere di cambiamento custodito da ogni donna. La Vicepresidente del Consiglio Regionale del Piemonte con delega alla Consulta Femminile Daniela Ruffino ha affermato come abbia riconosciuto tutte le donne incontrate nella propria vita, leggendo i racconti di Lingua Madre 2015. E infine, l’Assessora alla Cultura e al Turismo Regione Piemonte Antonella Parigi ha descritto le donne come portatrici di vita e energia, ha sottolineato l’importanza del progetto e confermato il sostegno da parte dell’Assessorato, esortando a proseguire con la stessa determinazione la strada tracciata in questi anni.
Parole appassionate e profonde, che si sono unite a quelle delle autrici vincitrici, grazie alle intense letture dei racconti premiati alla X edizione a cura di Laura Malaterra, attrice e regista.
Daniela Finocchi ha illustrato le diverse attività che il Concorso svolge tutto l’anno e le tante iniziative che lo vedono coinvolto. L’incontro è stata anche l’occasione per presentare, tra le altre novità, il nuovo progetto che il Concorso Lingua Madre sta svolgendo con l’Università di Torino, finanziato dalla Compagnia San Paolo, diretto alle donne migranti che si siano espresse nel mondo dell’arte e della letteratura con una particolare attenzione ai temi legati all’ambiente e al cibo: Transnational Appetites: Migrant Women’s Art and Writing in Food and Environment. Un progetto che si svolgerà nell’arco di due anni e che vedrà anche l’organizzazione di un festival su questi temi a Torino nel settembre 2016. Responsabile del progetto la prof. Daniela Fargione, presente con i suoi allievi e il gruppo Green Onions Torino nato per divulgare informazioni su temi ambientali, ecologia ed ecocritica.
All’evento così ricco di contributi e commozione, hanno partecipato inoltre il Commissario dell’Algeria a Expo Milano 2015, Signor Mohamed Benselam, i Consoli S.E. Touahria Abdelkader e S.E. Chamam Chawki, le associazioni, le biblioteche, i partner consolidati del Concorso Lingua Madre e tanti studenti, in particolare, una folta rappresentanza del Liceo Gioberti di Torino, accompagnata dagli insegnanti.