Appuntamenti

La pasticceria Zitti

Scritto da Segreteria il 27 Marzo 2014

C’è bisogno di un rispetto profondo nei confronti dei prodotti della terra e del lavoro dell’uomo, che va recuperato, come i gesti di una volta, quando ci si chinava a baciare il pane caduto sotto il tavolo prima di gettarlo, o di soffiarci sopra e mangiarlo.
L’ingrediente segreto del signor Zitti è un laboratorio, ideato dall’autrice del Concorso Lingua Madre Rosa Tiziana Bruno, che ha l’obiettivo di guidare i bambini alla scoperta del ruolo importante del cibo nella vita. Per parlare di cibo ai bambini, e anche per riflettere noi tutti, entriamo dunque nel mondo della fiaba.
Scarica il progetto

                            

Seguendo l’itinerario culinario delle fiabe, si scoprono pietanze curiose, allegrie nuove, usanze dei vari angoli della Terra. Si scopre il valore del cibo come contatto diretto con la natura. Si possono curare, così, in un modo creativo e non invasivo, anche molti atteggiamenti alimentari sbagliati.
Il cibo è premio, festa, tranello, prova, incantesimo. Intorno al cibo ruota la vita. E la bocca è luogo di conoscenza, esperienza, comunicazione. Il cibo significa tante cose, e così il prenderlo o il rifiutarlo. Molti gesti sono andati perduti, rimangono quasi esclusivamente lo strappo del sacchetto e l’apertura di scatole e lattine. Non sono mancanze da sottovalutare. Il rapporto dei bambini con il cibo è importante non solo per la nutrizione fisica, ma anche sul piano della crescita emotiva e affettiva. Questo laboratorio è specificamente organizzato per invogliare grandi e piccini a chiacchierare di cibo, insieme. E’ importante avviare un dialogo sulla nutrizione, ma anche sulla realtà sociale ed economica del nostro pianeta. Il cibo di cui abbiamo bisogno non è solo fisico, ma è cura, festa, paura, desiderio, bene, piacere, dolore, vita. Un progetto che mira a far parte di una rete delle “buone pratiche” nate nella scuola e in tutti gli ambienti educativi, quindi anche nella famiglia che trae ispirazione  dal libro: «La Pasticceria Zitti» (LaMargherita Edizioni).