Appuntamenti

Il Concorso Lingua Madre a Libriamoci a Scuola

Scritto da Segreteria il 03 Dicembre 2019

Sono stati davvero molto sentiti e partecipati gli incontri organizzati dal CLM nell’ambito di Libriamoci a scuola 2019, la settimana di letture nelle scuole di ogni ordine e grado, per favorire il piacere della lettura tra le/i ragazze/i e sottolineare l’unità per la crescita sociale e personale.

Numerose sono state le classi coinvolte nella lettura dei racconti tratti dalle antologie Lingua Madre – Racconti di donne straniere in Italia (Edizioni SEB27), concentrate fra l’Istituto Comprensivo Alighieri-Kennedy di Torino e la Scuola Primaria “A. Alloesio” di Priocca  dell’Istituto Comprensivo di Govone (CN).

Le attività al Kennedy di Torino

Le attività sono iniziate lunedì 11 novembre con letture che hanno coinvolto le/i piccole/i studenti della scuola primaria dell’I.C. Alighieri-Kennedy di Torino, coordinate da Antonella Casassa, docente che da tempo collabora con il Concorso Lingua Madre.

Focus del lavoro svolto nelle classi è stata la storia L’albero del pepe, inserita nel più ampio racconto collettivo Erbario di Ramia scritto dal Gruppo di narrazione interculturale di Casa di Ramia e pubblicato in Lingua Madre Duemiladiciannove – Racconti di donne straniere in Italia (Edizioni SEB27).

Così l’insegnante descrive il lavoro svolto:

Libriamoci a scuola 2019 ha coinvolto i piccoli alunni dell’Istituto comprensivo Alighieri Kennedy di Torino nella lettura di un affettuoso racconto del Gruppo di narrazione interculturale Casa di Ramia intitolato L’albero del pepe,di Tedla, tratto dall’Erbario di Ramia.

Tanti disegni hanno accompagnato la lettura a voce alta del racconto da parte di Michela Marocco, social media editor del Concorso Lingua Madre, e molte emozioni ne sono scaturite. Un esempio fra tutti, il grande abbraccio che la classe I D ha voluto fare al maestoso albero in cortile, testimone dei loro giochi in giardino.”

La “Conversazione Impossibile”

L’esperienza dell’I.C. Alighieri-Kennedy a Libriamoci 2019 è poi continuata venerdì 15 novembre, quando la lettrice Yasmina Merdjane, autrice CLM, ha intrapreso una “conversazione impossibile” con le/gli studenti della IV C sul tema “Io vado a scuola”.

Sempre Casassa spiega le modalità di questo incontro: “Un gruppetto di bambine di una scuola primaria di Torino nel 2019 invia messaggi a una nuova amica algerina. Lei, dalla sua scuola elementare di Algeri del 1981, risponde. Non importa se domande e repliche spesso non coincidono. Se le distanze e il tempo sono grandi o irreali. Tutte si trovano a imparare e crescere in un’unica grande scuola, a giocare insieme in un immenso cortile.

E a scoprire di essere la minuscola parte di un’infanzia universale che cresce insieme. L’incontro impossibile è accaduto davvero venerdì 15 novembre. Ha coinvolto le bambine della classe IV C dell’Istituto comprensivo Alighieri Kennedy di Torino, la loro insegnante Filippa Pavone e l’autrice CLM Yasmina Merdjane. Un’ora e mezza serratissima di domande, risposte, curiosità e risate. Per il piacere di scoprire nel passato nuove realtà.

E magari nella prospettiva di scrivere un racconto a più voci per la prossima edizione del concorso.”

Le attività alla scuola Alloesio di Prioccca

Tantissime anche le attività che hanno coinvolto alunne e alunni della Scuola Primaria “A. Alloesio” di Priocca  sotto la guida delle insegnati Paola Marchi, attraverso le letture dei racconti Erbario di Ramia e Pasta fritta, entrambi pubblicati in Lingua Madre Duemiladiciannove.

La lettura di Pasta fritta di Marcela Luque ha dato il via a un’intensa riflessione su parole come identità, cibo, differenza. I bambini sono stati chiamati in un primo momento a dire il significato delle parole, poi verificato attraverso una ricerca sul dizionario. Tutte/i le/gli alunne/i hanno inoltre realizzato una carta d’identità indicando non solo le caratteristiche fisiche, ma anche piatto, gioco, sport e animale preferiti.

Partendo invece da una lettura animata dello stesso racconto ad opera di Paola Marchi con la collaborazione dell’insegnante Manuela Urru, nella classe IV è stata intavolata una profonda discussione sui temi presenti nel racconto. Dalle riflessioni nate in classe alcune alunne hanno preso spunto per scrivere racconti e partecipare al Concorso, mentre i maschi hanno fatto disegni e slogan sul tema dell’eliminazione della violenza contro le donne.

Dal racconto Erbario di Ramia hanno invece preso il via percorsi sensoriali alla scoperta di spezie e sapori, raccolti dalle/gli studenti in personali erbari costruiti in classe.

Qui tutte le foto delle letture e delle attività svolte nella settimana di Libriamoci a scuola 2019.