News

I laboratori al Ferrante Aporti di Torino

Scritto da Segreteria il 22 Luglio 2015

UntitledSi è concluso ieri il primo ciclo di laboratori promosso presso l’Istituto Penale per Minorenni “Ferrante Aporti” di Torino, dedicato ai racconti del Concorso Lingua Madre e organizzato in collaborazione con EssereUmani e Educ@mente: ente nato a Torino con lo scopo di contribuire allo sviluppo sostenibile, alla pace, all’interculturalità e all’antirazzismo, di attivare percorsi di formazione a tutti i livelli e di realizzare esperienze di animazione culturale e di servizio sociale ponendo attenzione alle istanze delle fasce sociali più deboli. Le voci e le esperienze delle autrici sono state la traccia per le numerose attività scelte per il percorso, condotto dalle docenti Paola Marchi e Simona Torrente.
Durante i cinque diversi incontri – due organizzati con la classe dei più piccoli e tre con i più grandi – i ragazzi sono stati invitati a raccontarsi e a conoscersi a vicenda, attraverso esercizi ludici ma formativi al tempo stesso. Giochi di presentazione e condivisione, attività con le parole, momenti dedicati alla musica, alla scrittura e alla lettura hanno caratterizzato le varie fasi dei laboratori. Se la prima parte degli appuntamenti ha avuto lo scopo di creare un clima di collaborazione e intesa tra i partecipanti, la seconda invece è stata dedicata prevalentemente alla formulazione di riflessioni tramite la lettura dei racconti del Concorso, l’ideazione di una canzone RAP – dopo un’introduzione dedicata alle principali tecniche su cui si basa il genere – e un incontro di conversazione e confronto sulle donne, sul valore che esse ricoprono nella vita dei ragazzi e sul rapporto che questi hanno con l’altro sesso.
Il risultato dell’intero percorso è stato davvero soddisfacente. I ragazzi hanno partecipato con entusiasmo, gioia, voglia di mettersi in gioco e in relazione. Dato il successo di questo primo modulo, dunque, in autunno ne sarà riproposto un altro con l’intento di proseguire quanto già avviato e di offrire qualcosa di nuovo che continui a stimolare i pensieri, le idee, la creatività dei giovani ospiti dell’istituto.