Appuntamenti

Donne sotto l’orologio di Baščaršija

Scritto da Segreteria il 26 Maggio 2011

Lunedì 30 maggio, alle ore 21.00, presso il Teatro dell’Orologio di Roma (via de’ Filippini 17), andrà in scena DONNE SOTTO L’OROLOGIO DI BAŠČARŠIJA, lo spettacolo di e con Sara Zuhra Lukanic – autrice del Concorso Lingua Madre – e Maddalena Rizzi, per la regia Filippo d’Alessio, con la partecipazione in voce di Andrea Murchio, le scene di Tiziano Fario e i costumi di Silvia Gambardella. Martedì 31, dopo l’apritivo-dibattito, che avrà inizio alle ore 19.30, si replicherà lo spettacolo. Due serate di teatro al femminile per riflettere su un tema di grande attualità come quello del confronto tra le religioni, volute dall’Associazione Tramartis con il sostegno della Commissione delle Elette della Provincia di Roma.

Scarica la locandina
Scarica il comunicato dello spettacolo

Donne sotto l’orologio di Baščaršija è una storia realistica e poetica di due donne oltre il pregiudizio; due donne realmente appartenenti a quelle culture, due mondi diversi, le cui vite si incrociano nella città distesa su due continenti, crocevia di culture: Sarajevo. Proprio la Baščaršija con il suo minareto, la sua chiesa cristiana e la sua sinagoga simboleggia questa convivenza, l’orologio scandisce da sempre i ritmi delle differenti preghiere e simboleggia l’incontro di mondi diversi, diversità culturali che, grazie al coraggio delle donne, divengono risorse e spunti di pacificazione anche quando riguardano il delicato e dimenticato tema degli stupri etnici. Una suora di clausura, dopo un intervista, a seguito di tanti anni vissuti senza contatto con il mondo esterno, si trova travolta da domande e richieste di aiuto. Capisce che non può aiutare agli altri rimanendo nella clausura monastica e prende una decisione radicale; lascia il suo convento. Si ritrova a Sarajevo dove incontra Munevera, una psicoterapeuta bosniaca musulmana che si occupa delle donne stuprate durante la guerra : il loro vissuto, la storia della guerra sul corpo delle donne, i loro sentimenti di donne ci condurranno a scoprire nell’universo femminile il potere della comprensione e della tolleranza, l’unica strada per una pacifica connivenza delle culture.