News

Buone Feste!

Scritto da Segreteria il 20 Dicembre 2016

unnamed-5

Nell’augurarvi Buone Feste con un racconto del Concorso Lingua Madre, vi ricordiamo che il bando della XII edizione è aperto fino al 31 dicembre 2016: Partecipate!
Qui il regolamento completo

Leggi di seguito il racconto

– Allora oggi che facciamo?
– Niente, tesoro: stiamo insieme, mangiamo cose buone e tu non devi andare a scuola…
Il pranzo di Natale lo passiamo insieme: io, mio marito e nostro figlio Amir, di quattro anni. Siamo una bella famigliola, sicuramente passeremo una bella giornata insieme, eppure anche oggi, forse più del solito, sento la mancanza dei miei genitori, di mio fratello e delle mie sorelle.
Che poi, se stessimo tutti insieme in Iran, di certo non festeggeremmo il Natale. I musulmani non festeggiano il Natale, soltanto il capodanno, che però cade in primavera.
– Se oggi è Natale significa che posso dire la poesia del bue e dell’asinello?
– Puoi dirla, ma dopo mangiato. Così c’è anche papà e la fai sentire anche a lui.
Amir ci tiene a festeggiare il Natale, ha persino voluto fare l’albero tutto da solo.
– Mamma ma che cucini?
– Kebab, Amir.
Per il pranzo di Natale mi sarebbe piaciuto preparare un abgoosht, un piatto tipico della cucina iraniana a base di carne di pecora, ceci, fagioli bianchi e curcuma. In Iran mangiamo molta carne di pecora invece qui in Italia mi sembra che si preferisca il maiale. Noi no, abbiamo le pecore, come il nonno di Heidi. Poi il maiale in Iran non si mangia.
– Non cucini la pasta?
H. K. e Flora Ciccarelli, [Iran e Italia], Pranzo di Natale, in Lingua Madre Duemilasedici. Racconti di donne straniere in Italia (Ed. SEB27).